I SENSI DELL’ARTE|ART SENSES 2013
UNA MOSTRA INTERNAZIONALE DEDICATA A CHI NON VEDE

Si è aperta sabato 26 ottobre 2013 nel Palazzo dell’Abbondanza a Massa Marittima la mostra I SENSI DELL’ARTE, dedicata alle persone non vedenti e ipovedenti, per trasferirsi a Grosseto il 16 novembre e qui terminare il 3 dicembre con un Convegno inserito nel programma ufficiale della Festa della Toscana, in occasione della giornata internazionale delle Perone disabili.

LA MOSTRA
Più di sessanta opere di 28 artisti non vedenti o ipovedenti, di cui 15 provenienti da altri Paesi entrano a far parte della mostra d’arte a loro riservata, che accoglie una notevole varietà di linguaggi e mezzi espressivi.
I tredici artisti italiani si mescolano ai quindici provenienti da Finlandia, Estonia, Inghilterra, Israele, Slovenija e mostrano così una comunità lontana per le distanze, ma vicina per la voglia di partecipare e mettersi in gioco. Si rimane stupiti di fronte a opere “visive”, come la fotografia e i quadri, realizzate da chi è completamente o parzialmente cieco; uno su tutti, il caso di un’artista non vedente dalla nascita, segnalata da Oliviero Toscani, che riesce a fotografare il mondo con grande sensibilità attraverso vibrazioni e percezioni sensoriali che la stragrande maggioranza delle persone, in una società dominata dai messaggi visivi, ha quasi del tutto dimenticato.

Il CONCORSO RISEVATO AGLI ARTISTI NON VEDENTI
Fra tutte le opere selezionate per la mostra, una giuria tecnica composta da Mauro Papa di Fondazione Grosseto Cultura, Mariagrazia Celuzza direttore del Museo Archeologico di Grosseto, Gian Paolo Bonesini artista e curatore Art@ltro, Luciana Pericci presidente provinciale Unione Italiana Cechi e Fabrizio Lorenzani docente nella Scuola del marmo di Carrara, hanno scelto i sei artisti da premiare.
I premi assegnati sono: € 1.500,00 (primo premio); € 1.000,00 (secondo premio); premio Art@tro (terzo premio); un pernottamento per due persone presso Palazzo Malfatti a Massa Marittima (quarto premio); un soggiorno-week-end per due persone presso lo Stabilimento balneare Tangram a Follonica (quinto premio); lezione in campo e passeggiata a cavallo per due persone presso l’Agriturismo Podere Doganelle (sesto premio).
Le premiazioni si sono tenute in occasione dell’inaugurazione della mostra a Grosseto, il 16 novembre 2013 presso la Camera di Commercio.

IL PERCORSO MULTISENSORIALE
Altro elemento innovativo è costituito dall’allestimento in contemporanea di una mostra di cinque artisti vedenti, invitati sulla base delle qualità professionali e della sensibilità personale, capaci di creare opere adatte per la fruizione sensoriale da parte delle persone non vedenti o, se vedenti, appositamente bendate. Sono Gian Paolo Bonesini di Massa Marittima, Massimo Cinelli e Stefano Corti di Grosseto, Sergio De Carli di Trento e Alex Pergher di Bressanone.
SIGNIFICATO
Lo scopo di questo percorso artistico parallelo rientra nel significato complessivo della manifestazione, quello di apprezzare, produrre, vivere l’arte anche con gli altri sensi, partecipando insieme, da vicino, all’esperienza di chi proprio non vede, soprattutto ora che il mondo è sempre più dominato dai messaggi visivi. I Sensi delll’Arte| Art Senses parte proprio da qui, e invita tutti a esplorare “altri” modi di sperimentare la realtà creativa.

MOSTRA ITINERANTE
La mostra nel 2014 diventa itinerante, per essere accolta nel Museo Tattile Statale OMERO di Ancona e in una prestigiosa sala espositiva di Firenze.
Questo evento crea dunque l’opportunità di portare l’idea anche di là dei confini nazionali e diventa motivo di crescita culturale e di partecipazione etica e sociale, testimoniando l’interesse per una proposta che si colloca oltre i canoni standardizzati dell’arte.

Il CONCORSO PER 12 PAROLE O UN TWEET
GLI STENDARDI
Con il Concorso aperto a tutti per 12 parole o un tweet si chiedeva alla gente di partecipare direttamente a questo evento, esprimendo sinteticamente il significato di “sensi dell’arte”
A partire dalla metà di agosto e fino alla fine di settembre sono arrivate quasi duecento frasi da tutta Italia e dall’estero, di tutti i tipi: poesie, aforismi, slogan, acronimi, una grande quantità di pensieri sulla percezione dell’arte e della realtà con gli altri sensi, oltre la vista.
Non è stata certo facile la scelta per la giuria tecnica composta da Mario Fraschetti, direttore di Teatro Studio, Alberto Ceccherini dell’Unione Italiana Ciechi di Firenze e Annalisa Marzot della Libreria delle Ragazze di Grosseto, in collaborazione con Anna Montemaggi incaricata dal Rotary Club di Massa Marittima Fra tutte le frasi pervenute, ne sono state selezionate dieci da riprodurre su stendardi da appendere nel centro, prima a Massa Marittima e poi a Grosseto, per essere nel 2014 a corredo della stessa mostra quando sarà trasferita a Firenze ed Ancona. Ai primi sei classificati sono stati anche assegnati dei premi.

COLONNA SONORA, ALTRI SENSI
Circa quaranta pensieri brevi sono letti e registrati dagli attori del Teatro Studio di Grosseto con la colonna sonora “A Day with Ana” realizzata specificamente per questo evento dal compositore londinese Alberto Danelli, per essere diffusa durante l’apertura delle mostre.
Il pubblico partecipa dunque anche con i suoni a questo evento, in linea con l’idea di dare a tutti i sensi l’importanza che meritano. Per questo le opere in mostra si potranno anche toccare, annusare, sentire…

EVENTI
Sono stati organizzati anche altri eventi, gli eventi partecipati.
Il laboratorio Forme e colori del buio propone al pubblico infantile e adulto un’esperienza sensoriale e creativa da vivere al buio, con lo scopo di fare emergere significati profondi sui piani emotivo e cognitivo, svincolati dalle strutture visive, proprio per entrare empaticamente in contatto con se stessi e con il mondo dei non vedenti. Il laboratorio si tiene, durante il periodo di apertura delle mostre, a Massa Marittima nella Sala dell’Abbondanza e a Grosseto nel Museo Archeologico. La proposta didattica prevede di sperimentare i “colori del buio” – disegno al buio di quanto immaginato dopo l’esperienza tattile e sensoriale – e le “forme del buio” -rappresentazione alla luce di quanto percepito nel corso della visita.
Con I Sapori del buio, in collaborazione con produttori presenti sul territorio, sono proposte esperienze sensoriali legate al cibo e ai vini escludendo l’uso della vista, per sperimentare un processo percettivo fuori dai comportamenti comuni e capaci di dare nuovi stimoli.
I Sensi del suono offrono invece concerti e letture al buio, o a occhi bendati

L’emozionante flash-mob “ANCH’IO!” è stato organizzato sui gradini della Cattedrale di Massa Marittima, con più di cento bambini e ragazzi che partecipavano a occhi chiusi: tutto documentato dai soci del Club Fotografico e da un’invasione digitale realizzata sui social network con la solita competenza e la grande passione dai @Maremmans.

I SENSI DELL’ARTE|ART SENSES 2013
Ideazione e organizzazione
Associazione culturale Art@ltro
In partnership con
UIC – Unione Italiana Ciechi Ipovedenti| Sez. di Grosseto

Partecipano
Amministrazioni pubbliche:
Regione Toscana
Provincia di Grosseto
Comune di Grosseto
Comune di Massa Marittima
Enti e Associazioni:
Fondazione Grosseto Cultura
Camera di Commercio di Grosseto
Museo Tattile Statale OMERO
Rotary Club Massa Marittima – Distretto 2071
Slow Food Monteregio
NÄKY Suomi Finland
Partner privati:
Ente Cassa di Risparmio di Firenze
HUNTSMAN
BANCACRAS
ELETTROMAR