Art@ltro è un nome breve ma complesso, ogni sua parte ha un significato, rappresenta soprattutto i suoi intenti: lo sviluppo dell’arte con le più diverse modalità, l’uso delle tecnologie e …altro, tutto il resto, tutto ciò che ispira i suoi associati e il territorio in cui opera.

L’attività dell’Associazione prende forma nel 2003, quando viene organizzato all’interno del 3° Circolo didattico l’evento che diventerà poi il suo stesso nome: “Art@ltro”, appunto.

Nei padiglioni dell’Arsenale di Verona per un’intera settimana vengono dedicati originali atelier creativi a bambini e ragazzi delle scuole di base con la supervisione di un gruppo di importanti artisti, in modo da far “toccare dal vivo” l’arte nelle sue diverse forme espressive, come esperienza da vivere e reinterpretare. Nelle mostre collaterali allestite dalla scuola, spicca la presenza di elaborati prodotti dai bambini con strumenti tecnologici, all’avanguardia per quegli anni! Questa presenza viene simbolizzata nel logo dalla @, mentre altro sta ad indicare gli eventi culturali e ludici aperti al pubblico più vasto e… altro ancora.

La manifestazione “Art@ltro” nei padiglioni dell’Arsenale di Verona si ripete, con nuovi contenuti, negli anni 2004 e 2005.

La presenza dell’Associazione nel campo della didattica e per lo sviluppo della creatività infantile, oltre che nei corsi realizzati nelle scuole, si è fatta notare particolarmente in due occasioni pubbliche: la scelta del logo per “La città dei bambini” su iniziativa del Comune di Verona e il grande evento del Mondadori Junior Festival organizzato per tre anni consecutivi da numerosi soggetti pubblici e privati in tutti gli spazi della città.

Gli eventi propriamente dedicati al mondo dell’arte, anima dell’Associazione, hanno inizio con la mostra di scultura allestita per “Arte in giardino” nella sede dell’Istituto statale d’Arte “Nani”, con opere di autori contemporanei accanto a quelle storiche, per proseguire negli anni successivi in sedi diverse fino all’ultima, in ordine di tempo, che è stata “25 Artisti per il 25 aprile”, a Massa Marittima, in Toscana.

Diverse e complesse le manifestazioni artistiche, con la ricerca costante di un’idea originale che faccia da filo conduttore.

Con “Paper, un mondo di carta” si è sperimentata un’ Opera aperta, una performance dal vivo in cui un gruppo di artisti ha realizzare direttamente sul posto, in un grande padiglione dell’Arsenale di Verona, nuovi lavori in carta/cartone di recupero, diventata oggetto di un DVD innovativo.

Subito dopo, con “Materiali in opera” è stata organizzata l’azione creativa di quattro artisti, invitati a lavorare nel loggiato della Gran Guardia per realizzare sul posto, con gli studenti dell’Istituto d’Arte a fare da assistenti, opere con materiali di recupero, in crescita giorno dopo giorno davanti al pubblico di Piazza Brà.

E l’anno dopo, sempre con la carta che fa da filo conduttore (a Verona son presenti grandi cartiere), viene organizzata una manifestazione molto complessa “Paper – Verona di carta”, con la presenza di numerosi soggetti pubblici e privati.

L’ultimo evento a Verona prima del trasferimento in Toscana, nell’attuale sede di Massa Marittima (GR), è stato la Mostra-concorso “Materiali in Arte”, con la quale si sono raccolte lopere realizzate esclusivamente con materiali di recupero da più di cinquanta artisti provenienti da tutta Italia, poi selezionate per allestire una mostra in Sala Birolli.

A Massa Marittima l’attività dell’Associazione è proseguita, in collaborazione con le realtà territoriali, e in anni successivi vengono realizzati due eventi che vogliono contribuire allo sviluppo partecipato dell’arte e dell’espressione creativa: “La città visibile” e “I Sensi dell’arte

Altro ancora potrà arrivare per un’ Associazione che vuole proporsi in modo sempre più attento e incisivo nella vita della città, e non solo.